Spagna


In Spagna è pronta la bozza di legge sulla libertà religiosa.  Le nuove norme prevedono, tra l’altro,  che i funerali di Stato possano essere solo civili e che il crocefisso, assieme agli altri simboli religiosi, non possa  essere esposto nei luoghi pubblici.
Colpisce sempre, quando si legge di altri paesi, la semplicità con cui sembrano potersi distinguere i diversi ambiti di competenza dello Stato e della Chiesa.  Noi abbiamo due poteri che spesso utilizzano lo stesso linguaggio, che coprono le manchevolezze l’uno dell’altro. E i precetti della Chiesa hanno la pretesa di regolare la vita di tutti : credenti e non credenti.
A proposito di funerali: perché io, non credente , devo pensare che probabilmente avrò un funerale religioso?

Annunci

2 pensieri su “Spagna

  1. Signora,
    per puro caso stamane mi sono imbattuto nel suo blog e con rammarico, lo confesso, ho letto questo post.
    Non riesco ancora a capacitarmi di come certe opinioni, come quelle che lei esprime, siano bellamente e gratuitamente propalate, e che in nome di oscuri principi massonici e anticlericali vorrebbero mettere in un angolo la Chiesa. Si, la Chiesa, vale a dire la storia, il sangue, la carne, il sudore, le ossa del nostro popolo.
    Pensi alla Calabria, al suo piccolo paese senza Chiesa, senza processioni, senza feste, senza vescovi, senza parroci, santuari, incensi, chierichetti, messe prime e cantate, comunioni, battesimi, cresime, senza Natale, Pasqua, senza pie donne cosa sarebbe? Nulla, mi creda.
    In verità voi laicisti odiate questo mondo, lo disprezzate, vi sentite superiori, vorreste imporgli la vostra fede atea, comunista magari. Voi odiate il popolo che di queste cose si nutre, e odiate anche i borghesi che santificano, nel rispetto della tradizione, le feste. Si ricordi: senza tradizioni non c’è memoria, identità, certezza del vivere. Altro che i crocefissi fuori dai luoghi pubblici.
    Si vergogni! Lei disonora se stessa e la cultura da cui proviene.

    Gualtiero Serafini, Cosenza.

    Mi piace

    • Identificare come fa lei la cultura con la religione o le tradizioni è veramente riduttivo.
      Io,comunque, non penso a un paese privo di ciò che lei ha elencato meticolosamente e appassionatamente: auspico solo un luogo laico in cui tutti possano esprimersi. E in cui qualcuno non si senta autorizzato a scrivere ciò che lei ha scritto, credendosi detentore della verità.
      Io sono cresciuta sui testi di Dante Alighieri. Non so lei.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...