Il volo dei ciclisti


Quando guido l’automobile e ho davanti a me dei ciclisti, mi prende come un’ansia di protezione nei loro confronti, perché persone a me care praticano questo sport e perché penso di poter facilmente far male a qualcuno, io più al sicuro dentro l’abitacolo della macchina in confronto a chi siede su un sellino, all’aperto.
E’ una sensazione inconsueta, persino spiacevole,  per una donna, abituata ad avvertire invece la propria debolezza fisica rispetto a tanti altri. Guardo le loro schiene, li vedo esposti ai pericoli e fragili. I ciclisti sono come uccelli in volo, ne hanno la leggerezza e l’eleganza, ma in mezzo al traffico spesso folle e privo di regole, sulle strade, e sulle strade calabresi probabilmente in maniera particolare, sono creature delicatissime e indifese, come appunto gli uccelli.
Forse avrò incontrato tante volte gli amanti della bicicletta che stamani a Lamezia Terme hanno tragicamente perso la vita. Ne vedo spesso per le nostre vie, specialmente la domenica, e li guardo sempre con un po’ di invidia, anche se oggi è difficile dirlo: sfrecciano da soli o in gruppo, come uno sciame allegro, dedicandosi ad uno sport popolare e alla portata di tutti, in una regione tanto avara di svaghi collettivi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...