La Calabria che cambia


Il Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica, che porta il nome di Bruno Arcuri, lo scomparso giovane sindaco di Carlopoli che una Calabria diversa aveva in mente, ha in questi giorni sottoposto all’attenzione dei  consiglieri regionali una mozione con la quale si invitano gli organismi dirigenti calabresi a legiferare a favore dell’acqua pubblica, in rispetto del recente esito referendario contro la privatizzazione. Nella mozione si chiede anche di rescindere il contratto fatto con la Sorical, di cui vengono ricordati gli illegittimi aumenti. Fa bene al cuore ed alla mente sapere che esiste una Calabria che pensa in modo alternativo e che esistono dei luoghi dove ci si può interrogare liberamente sul destino dell’ambiente o sull’acqua ed il suo costo o sul ruolo della Sorical o sull’idea di cultura, ecc.ecc. Qualche mese fa pure nella vicina Girifalco un cittadino ha fatto una battaglia contro le alte tariffe della Sorical ed ha chiesto agli amministratori del suo paese di intervenire per proteggere gli interessi dei contribuenti; a Borgia si erano avute altre simili rivendicazioni.  A Cortale, invece, sembrava che avessimo scomodato gli dei quando alcuni abbiamo posto delle innocue domande sulla qualità dell’acqua e sulla regolarità della sua erogazione. Tempo prima avevamo ingurgitato perfino acqua-nafta (un nuovo preparato nostrano che potrebbe rivendicare anch’esso un marchio di qualità ), eppure si pretendeva che stessimo zitti e muti. Ma non si può votare ed invitare a votare al referendum e poi sostenere che noi siamo un’oasi dove tutto va bene: è un atteggiamento schizofrenico, di cui purtroppo la sinistra è maestra, come  sappiamo quelli che di essa in vario modo facciamo parte. In una comunità dobbiamo in verità abituarci un po’ tutti ai toni urbani e civili, ma dobbiamo pure –  soprattutto chi ricopre ruoli pubblici – ritenere normale che esistano opinioni differenti, sapere che la varietà di idee costituisce una ricchezza, accettare che la gente ponga domande a chi ha responsabilità amministrative su come vengono gestiti i beni pubblici. La solfa che da noi ogni tanto si sente, cioè siate propositivi!, è appunto solo una solfa: i cittadini sono diversi fra loro ed è legittimo che abbiano disparate posizioni. E’ legittimo che sostengano le amministrazioni o che stiano all’opposizione, è legittimo che vogliano o non vogliano impegnarsi sui problemi politico-sociali, è legittimo che critichino l’operato di chi governa. Ma l’amministratore è sempre l’amministratore di tutti, anche di chi non lo vota. Altrimenti non ci resta che scappare da queste terre, noi a cui la vita è resa intossicata dalla mafia e dall’illegalità e il cui baluardo contro la barbarie possono essere soltanto le istituzioni, se esse sono  democratiche, e la stampa, se è libera.

Annunci

2 pensieri su “La Calabria che cambia

  1. “C’è più omertà nella politica che nella mafia. Non c’è uno che denunci la corruzione, che si dissoci. E pensare che questa pratica e questa tolleranza diffuse sono la principale ragione della resistenza di Berlusconi”
    Allora è vero che sono tutti uguali, tutti come Berlusconi?
    No, non esattamente. La differenza quantitativa è chiara.Emerge invece una contiguità antropologica da parte di chi, dovrebbe rappresentare l’alternativa, anzi l’antitesi al berlusconismo. E’ una caratteristica che ormai traversa in filigrana tutto il PD. Ma se l’elettorato di Berlusconi quasi condivide queste scelte, bè… quello di centrosinistra no, non si rassegna.” Il sociologo Marco Revelli su “Il Fatto” di oggi.
    Solo a Cortale prevale la rassegnazione: una sparuta minoranza hail coraggio di esporsi e di parlare, poi una vasta zona grigia di chi preferisce stare a guardare e la maggioranza dei servi volontari e dei lacchè, sempre sul carro di chi vince.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...