A proposito del bosone di Higgs


Di fronte a qualche banale e strumentale lettura della scoperta, viene in mente ciò che scriveva Seneca nelle Naturales quaestiones, quando esaltava il cammino inesauribile della conoscenza scientifica di contro a chi riteneva che gli studi fossero giunti al loro apice.

 Molte cose a noi ignote saranno conosciute dalla gente dell’evo futuro; molto è riservato a generazioni ancora più lontane nel tempo, quando di noi anche il ricordo sarà svanito: il mondo sarebbe una ben piccola cosa se in esso tutto il mondo non trovasse materia per fare le sue ricerche…. La natura non rivela i suoi misteri tutti in una volta: noi ci crediamo degli iniziati e siamo ancora alle porte del tempio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...