Crisi della scuola pubblica


Che paese siamo se attorno alle 9.00 ( mentre scrivo sono le nove e un quarto ) persino sulla prima pagina de la Repubblica appare la traduzione del passo di Quintiliano assegnato probabilmente agli esami di Maturità? A che serve esercitare per un anno intero i propri alunni anche in vista della prova finale ed esortali a studiare? Vi sembra questa l’educazione alla legalità, di cui tanto ci riempiamo la bocca?
Per caso si intende strizzare l’occhio ai numerosi genitori con telefonino pronto che, ansiosi  per la sofferenza immane dei pargoli,  sostano davanti alle scuole?
Quintiliano, però, aveva una ben differente idea e della scuola pubblica e del processo educativo. E certo stimava di più i giovani.

Annunci

Un pensiero su “Crisi della scuola pubblica

  1. …e della crisi di una qualsivoglia etica pubblica ne vogliamo parlare se, con i soldi di IMU, Tarsu et similia, il Comune finanzia con un contributo di 10.000 euro richiesto dal sacerdote, il restauro del portone della Chiesa? Come mai? C’è crisi in Curia?….sono finiti i fondi dell’8 per mille? Abbiamo un “revival” di Soccorso Rosso in salsa cortalese?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...