Molestie a chi?


Non so la vastità e i netti contorni del fenomeno da alcuni mesi denunciato da tante, ma certo è che le rivelazioni che si susseguono hanno un merito: mostrano il verminaio in cui  sono abitualmente immerse le donne, tutte non solo quelle dello spettacolo.
Oltre alla terribilità e all’orrore della violenza sessuale, le donne in verità subiscono quotidianamente mille soprusi: sono anzi questi l’humus che nutre l’acme delle brutalità, lo stupro.

Quale donna sull’autobus non ha sentito un corpo di maschio avvicinarsi senza averlo in nessun modo chiesto?
Chi, facendo una fila, non ha dovuto sottrarsi alle altrui fantasie?
Io ne ricordo una persino alla mensa universitaria, allorché fui obbligata a girarmi per dire all’idiota di turno di mantenere una garbata distanza.
E non sono bazzecole.

E poi al cinema!
Rammento ancora quando, trovandomi nella mia città universitaria, pensai di trascorrere al cinema il vuoto pomeriggio in cui gli uffici erano chiusi, da sola dal momento che mi trovavo da sola. Riproponevano La caduta degli dei e mi sembrava un dono poter assistere ad un’opera di Visconti, io a cui il cinema era negato poiché vivevo abitualmente in un piccolo paese.
Non scordo il disagio durante la proiezione, cui mi costrinse un giovanotto seduto accanto a me, il quale evidentemente riteneva che, visto che io ero mi ero recata al cinema senza accompagnatore, fossi in cerca di emozioni hard.
Una signora, che allora ai miei occhi di ragazza parve anziana, affettuosamente mi invitò a  mettermi vicino a lei.

In seguito, quando periodicamente andavo all’università ( non la frequentavo, purtroppo ) il pomeriggio non ebbi più l’ardire di recarmi da sola al cinema. La perdita fu enorme: perché non potei godere di quest’arte da me tanto amata e soprattutto perché fu una delle numerose occasioni in cui in me si insinuò la terribile consapevolezza che parecchi orizzonti e spazi mi erano preclusi in quanto donna. Il senso di ripiegamento interiore fu, ed è stato ogni volta, dolorosissimo.
E non sono bazzecole.

Di ciò, non solo degli stupri, sono colpevoli gli uomini nei riguardi delle donne: delle ingiuste sconfitte intime, psicologiche.
Ecco perché accolgo con favore quest’ultima denuncia femminile ( di cui non mi interessano alcuni dettagli che ritengo secondari ): perché svela un rimosso e palesa il putrido di una società che continua a creare difficoltà e inciampi alla costruzione di sé delle donne come persone.
E non sono bazzecole.

Neppure l’età ( che dovrebbe essere) veneranda, nel tempo in cui credi di poter finalmente guardare tranquilla il mondo e vuoi godere dei benefici della distanza da ogni tipo di seduzione, neppure la modifica dell’antica bellezza ti protegge e ti tiene lontana da gratuite ingerenze maschili.

Ho lavorato a Crotone e della città rammento in primo luogo le donne, di una peculiare disinvoltura e spontaneità oltre che avvenenza. Nella piazza principale, c’è uno specchio e le vidi con piacere in tante fermarsi e aggiustarsi i capelli e controllare il trucco: mi apparve un fatto positivo, in quel centro che conservava parecchie importanti tracce della cultura operaia.
Capitava che le donne, aspettando l’autobus, ti chiedessero se fossi un avvocato dal momento che avevi la borsa con i libri o ti raccontassero aspetti della loro giornata.
Una di queste mie amiche per un giorno di Crotone, una signora anziana, volle confidarmi una sua preoccupazione e un suo disagio. Pensava che l’età avanzata l’avrebbe tenuta al riparo dagli idioti, ma un vicino la importunava e sempre ad una certa ora si appostava vicino casa sua e la controllava procurandole apprensione.
Era smarrita mentre me lo diceva: non capiva. Sembrava me, quando – ragazza curiosa dell’arte in un cinema di Messina – uno sconosciuto mi volle insegnare che io ero non-libera.

Quanti insegnamenti non richiesti riceviamo noi donne! Quanti estranei e quante persone amate ci vogliono spiegare noi stesse e il mondo!
La domanda che allora sale forte dalle ultime denunce sulle molestie che tante hanno subito e subiscono è che sono necessari rapporti nuovi: è urgente che i maschi si abituino a immaginare un tèmenos, uno spazio sacro invalicabile, che circonda le donne e le separa dalle loro mani e voglie.

Che il mondo possa essere nostro, senza intralci e senza prezzi da pagare.

Annunci

4 pensieri su “Molestie a chi?

  1. E’ una verità sotto gli occhi di tutti, quella delle violenza, delle molestie verso l’altro sesso, soprattutto verso le donne.
    Le donne, aihmè, pagano il prezzo più alto, ma anche gli uomini e gli altri esseri viventi, seppure con diverse forme e gradazioni, subiscono violenza, molestia e coercizioni varie, di ogni tipo.
    E, credimi, anche per essi non sono affatto bazzecole.
    Consentimi di associarmi alla tua chiara e condivisa denuncia, che io vorrei intendere non solo un monito per i maschi e i maschilisti, ma anche per le femmine e le femministe-
    E non è una difesa d’ufficio. Perchè le sofferenze non sono bazzecole per nessuno.


    https://polldaddy.com/js/rating/rating.js

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...